Il mercato Real Estate in Italia sta vivendo segnali di ripresa all’interno del segmento luxury grazie all’apporto di capitali esteri e di investimenti localizzati nelle città più prestigiose. In questo segmento si è inserito anche il settore pubblico, intravedendo la possibilità di ridurre il debito pubblico e trovare liquidità per il rilancio dell’economia nazionale tramite l’alienazione di immobili appartenenti agli enti locali sparsi per tutto il territorio.

I giorni intercorsi tra il 15 e il 18 Marzo scorsi hanno costituito una vetrina importante per quanto riguarda l’offerta immobiliare del paese. Tramite la partecipazione al MIPIM di Cannes quest’anno, è stata compiuta un’importante azione di coordinamento e gestione degli oltre 500 mq affidati al Padiglione Italia al fine di fornire una piattaforma di incontro per i numerosi partner del mondo delle istituzioni e dell’impresa.

All’interno di questa iniziativa, la giornata del 16 Marzo ha visto il lancio ufficiale della piattaforma online investinitalyrealestate.com. La realizzazione di quest’ultima si inserisce in un progetto di dismissione di una “rosa” di asset pubblici, ideato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, sotto l’egida dei Ministeri della Difesa e dello Sviluppo Economico e in collaborazione con numerosi enti pubblici. Il progetto si è concretizzato nella mappatura e nel censimento di oltre un milione di immobili pubblici situati all’interno del territorio nazionale tra cui sono state selezionate circa 1.000 unità da valorizzare con analoghe caratteristiche di potenziale redditualità e attrattività verso investitori nazionali ed esteri, interessati ad investimenti a breve o lungo termine.

italy-real-estate

Tra queste, è stato inizialmente proposto un pacchetto di 208 lotti di tipo residenziale, commerciale, storico o aree edificabili, classificati anche secondo il profilo di rischio e lo stato manutentivo dell’immobile. Stando alle stime fornite, il valore della prima selezione si aggira attorno al miliardo e mezzo di euro e, secondo il direttore dell’agenzia del demanio, l’obiettivo governativo è quello di realizzare nel 2016 la effettiva vendita di beni per un valore di 400 mln €. Le prospettive non sono da meno in quanto si prevede un raddoppio degli immobili presentati sulla piattaforma e ulteriori vendite per il 2017 attorno ai 500 mln €.