Deliveroo è una start up londinese nata a fine 2013 e ancora poco nota in Italia che conta oggi una flotta di oltre 5.000 agenti di consegna su bici e scooter ed oltre 300 dipendenti negli uffici in Europa e in Asia. Il format è semplice. Deliveroo è una piattaforma logistica offerta a ristoranti di alta gamma che non hanno la formula takeaway per permettere ai clienti di ordinare, a lavoro o a casa, cibo dai ristoranti di qualità senza bisogno di andare fisicamente al ristorante. I consumatori pagano una flat fee addizionale di servizio pari a 2,50$ e i ristoranti che vogliono comparire sulla applicazione pagano una commissione su ogni ordine ottenuto dalla piattaforma. Deliveroo ha ricevuto investimenti per $200 milioni da Yuri Milner DST Global (finanziatore early stage di Facebook,Alibaba e Xiaomi), Accel, Greenoaks Capital e Index Ventures, e vale oggi oltre $600 milioni.

deliveroo

Il punto di forza? Il suo fondatore William Shu ha assunto ingegneri e matematici capaci di analizzare i dati di consegna ed effettuare simulazioni sul software per comprendere nuove aree di espansione geografica, per ritestare l’algoritmo di scelta del driver ottimale su un ordine e per ridurre i tempi di consegna in diverse fasi del processo: dall’interazione con il cliente, al percorso verso il ristorante, alla comunicazione stessa con i ristoratori. Shu ha anche assunto ingegneri che hanno esperienza nella gestione di problemi logistici complessi per ottimizzare l’esperienza dei ristoranti con il servizio e riuscire a comunicare con precisione il tempo di arrivo dell’agente di consegna per far sì che tutti i cibi siano pronti quando arriva. Il tempo medio di consegna del servizio è infatti di 30 minuti dall’ordine. Altro fattore chiave è la geo localizzazione del driver, che permette ai consumatori di seguire il tragitto.

Deliveroo è presente oggi in 12 città in tutto il mondo ed è arrivata a fine 2015 sui mercati di Milano e Singapore. Proprio a Singapore, patria di cucine multietniche, Deliveroo si è aggiudicata la nicchia di mercato di professionisti che, lavorando ad alti ritmi, vogliono spendere per mangiare bene ma non hanno il tempo di recarsi fuori per gli orari di pranzo e cena. Gli abitanti di Singapore risultano infatti tra i maggiori consumatori di cibo cucinato da terzi. Ikea Survey stima che solo il 20% della popolazione cucini quotidianamente a casa. Per aumentare il proprio bacino di utenza ed ottenere visibilità Deliveroo è diventata sponsor ufficiale della 12° Restaurant Week che si è tenuta a Singapore dal 19 al 26 Marzo. La Restaurant Week attira oltre un milione di persone ogni anno per via dei ristoranti di alta gamma presenti che offrono piatti gourmet a prezzi competitivi. Quest’anno per la prima volta gli organizzatori dell’evento hanno puntato anche sulla forma delivery e Deliveroo si è aggiudicata l’esclusiva per effettuare un servizio di consegna dei piatti dei ristoranti presenti nella fiera alle persone che non sono riuscite ad acquistare un biglietto per partecipare, ottenendo una forte pubblicità ed aumentando le collaborazioni da 150 a oltre 450 ristoranti a Singapore.